sabato 5 aprile 2014

Marina - Carlos Ruiz Zafon



TRAMA

Barcellona, fine anni Settanta. Oscar Drai è un giovane studente che trascorre gli anni della sua adolescenza in un cupo collegio della città catalana. Colmo di quella dolorosa energia così tipica dell'età, fatta in parti uguali di sogno e insofferenza, Oscar ama allontanarsi non visto dalle soffocanti mura del convitto, per perdersi nel dedalo di vie, ville e palazzi di quartieri che trasudano a ogni angolo storia e mistero. In occasione di una di queste fughe il giovane si lascia rapire da una musica che lo porta fino alle finestre di una casa. All'interno, un antico grammofono suona un'ammaliante canzone per voce e pianoforte. Nel momento in cui sottrae l'oggetto e scappa, è sopraffatto da un gesto che risulta inspiegabile a lui per primo. Qualche giorno dopo tutto gli apparirà tanto chiaro quanto splendidamente misterioso. Tornando sui suoi passi per restituire il maltolto, infatti, Oscar incontra la giovane Marina e il suo enigmatico padre, il pittore Germàn. E niente per lui sarà più come prima. Il suo innato amore per il mistero si intreccerà da quel momento ai segreti inconfessabili del passato di una famiglia e di una Barcellona sempre più amata: segreti che lo spingeranno non solo alla più lunga fuga mai tentata dal detestato collegio, ma anche verso l'irrevocabile fine della sua adolescenza. Scritto prima de "L'ombra del vento" e "Il gioco dell'angelo" questo romanzo ne anticipa i grandi temi: gli enigmi del passato, l'amore per la conoscenza, la bellezza gotica e senza tempo di Barcellona.



LE MIE IMPRESSIONI

Ho amato "Marina" come se fosse sempre stato scritto e riposto in un cassetto della mia memoria.
Ho trovato uno Zafòn diverso, che oscilla tra l'incubo e il sogno.
 "Marina" è il primo libro scritto e pubblicato dall'autore, ma inizialmente non ha avuto il successo che meritava. Solo negli ultimi anni e dopo la pubblicazione della trilogia del cimitero dei libri dimenticati, ha visto la luce.
"Marina" è uno squarcio di sole in una notte di ombre e tempesta. E'  un romanzo intenso, coinvolgente, che rapisce cuore e mente. Ho adorato le atmosfere gotiche, che si lasciano sfiorare dalle vellutate e a volte stridenti, sfumature horror.
Zafòn scrive in uno stile che si lascia amare, si lascia leggere e ci lascia ammaliati, come fanciulli stregati da un'antica nenia popolare. 
Consiglio vivamente questo libro, uno dei romanzi di questo scrittore, che preferisco.